La tecnologia è la lingua che tutti sappiamo parlare, ma che non sappiamo ancora scrivere

A+ A A-

Arduino alla scuola media: problematiche e possibili soluzioni.

Arduino alla scuola media è possibile? Sono in grado ragazze e ragazzi di 11-13 anni di assemblare un circuito e programmare il microcontrollore? Quali sono i possibili usi?

Dopo anni di esperienza e sperimentazione didattica vorrei esprimere un giudizio critico in merito. Introducendo Arduino ad alunni di scuola media ho riscontrato le seguenti difficoltà:

  1. nei collegamenti fisici (serie, parallelo, resistenze ...)
  2. nella programmazione (linguaggio di Arduino)

Sebbene esistano sul mercato soluzioni che possano ovviare a tali inconvenienti (es. MicroBit) ho provato personalmente ad adattare Arduino alle sperimentazioni in classe risolvendo le difficoltà iniziali così:

  1. introduzione del sistema Grove
  2. uso di programmazione a blocchi

Grove è un sistema di prototipazione modulare standardizzato che adotta un approccio basato sull'assemblaggio dell'elettronica. Rispetto al jumper o al sistema basato su saldatura, è più facile effettuare collegamenti, sperimentare, costruire e semplificare il sistema di apprendimento. Il sistema Grove è costituito da un'unità di base (Base Shield) posta sopra ad Arduino e vari moduli con connettori standardizzati.

Come prima sperimentazione ho acquistato il Grove Starter Kit for Arduino composto dalla base shield, display,  sensori (temperatura, luminosità, suono) e attuatori (LED, relé, servo).

Trovare un linguaggio di programmazione a blocchi e adattarlo al sistema Grove non è stato così immediato...

Ho testato: -

  • ardublock
  • Scratch4Arduino
  • Snap4Arduino
  • mBlock

... optando come soluzione definitiva Snap4Arduino.

A differenza dei precedenti software, Snap4Arduino si interfaccia in maniera perfetta con il Grove Starter Kit for Arduino garantendo un linguaggio a blocchi e la possibilità di esportare il progetto in Arduino standalone.

In una fase più avanzata, alunne e alunni possono studiare il codice di Arduino così generato e confrontarlo con quanto programmato a blocchi. Si introduce così il linguaggio di Arduino che sarà presentato alla scuola secondaria di secondo grado.

Nel prossimo articolo vedremo come utilizzare quanto detto sopra nella didattica quotidiana.